Wi-Fi e Internet per tutti

Da oggi è on line ed operativo il mio sito web www.tizianoarlotti.it. Oltre al mio profilo e alle ragioni della mia candidatura ho riservato un ampio spazio alle informazioni utili sulle modalità per il voto e ai luoghi in cui le persone possono andare a votare con la mappa (in PDF) dei seggi per ogni zona di Rimini.
Colgo l’occasione per aprire una parentesi sull’importanza delle nuove tecnologie e dei moderni strumenti della comunicazione. Internet è stata la rivoluzione degli ultimi quindici anni. La nostra economia, i nostri giovani, il nostro turismo e le nostre aziende hanno trovato, e ancora potranno trovare, enormi opportunità di crescita attraverso il Web.  A Rimini, sin dal 1999 ho cercato di portare Internet nelle case di tutti: allora iniziai a cablare l’intero territorio comunale, per creare una dorsale che in un primo tempo collegasse tutti gli edifici comunali, per poi allargare la rete alla città ad una velocità più elevata. Progetto poi rilevato da Lepida. Questo perché credo che Internet e l’informatica siano oramai diventati servizi pubblici essenziali, come l’acqua, il gas, la corrente elettrica.
Per questo dovremo concentrarci attorno a tre obiettivi, da realizzarsi entro il primo anno di mandato:

1)  Internet di massa: Una rete di punti Wi-Fi (cosiddetti Hot-Spot) e di totem tecnologici per applicazioni avanzate diffusa in tutta la città, partendo dai luoghi principali d’incontro sia del Centro Storico, sia nelle piazze dei paesi e località attorno a Rimini, in modo che sia normale utilizzare Internet passeggiando o vedendosi con gli amici, come accade a Madrid, Parigi, Londra, Barcellona. Accanto a questo, portare la Banda Larga in tutte le case di Rimini, posizionando i terminali mancanti e concordando con Telecom la sostituzione delle ultime centraline vecchie rimaste.
2)  Nati per Internet: attraverso accordi con privati, in tre anni, fornire alle classi di Rimini un NetBook per ogni studente e la connettività veloce a tutte le scuole. Inoltre, accordandosi con parrocchie, centri di formazione, centri anziani, luoghi d’incontro, creare occasioni diffuse di alfabetizzazione informatica aperta a tutti: il costo è irrilevante rispetto al movimento che si è in grado di creare, e rispetto ai servizi che poi si è in grado di portare più facilmente sul web.
3)  Sostegno, attraverso progetti di credito su business plan, alle imprese che vogliono fare business attraverso la rete, e alle giovani imprese che vogliono scommettere su internet per creare servizi innovativi. La nostra città è piena di creatività e talento: il nostro compito è quello di dare strumenti e creare le condizioni favorevoli perché fioriscano.

Google, Facebook, sono nati negli Stati Uniti, ed in meno di cinque anni sono diventati multinazionali. Potrebbero essere nati in Italia, se solo avessero trovato un terreno fertile ad idee innovative, persone in grado di credere in loro, un’educazione informatica di massa. La rivoluzione di Internet è continuamente in espansione, continuamente s’innova: sta a noi essere capaci di prendere l’onda giusta, per far volare in alto Rimini.

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna stampa. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.