Sulla questione “Casa Madiba”

E’ singolare che di fronte ad un’azione palesemente illegale come quella dell’occupazione sistematica di luoghi e immobili pubblici, ci sia chi, avendo tra l’altro responsabilità istituzionali, le legittima e le sostiene come fatto dai due deputati Giulia Sarti e Giovanni Paglia nel caso dell’occupazione di Villa Ricci.
Nel mio ruolo di amministratore, in passato mi sono impegnato affinché venissero messi a disposizione delle associazioni spazi come il centro sociale Grotta Rossa, tramite assegnazioni con procedure di pubblicità e trasparenza come previsto dalla legge. Come primo presidente dello Iacp (l’Istituto autonomo case popolari) di Rimini ho fatto quanto era nelle mie possibilità per aumentare il patrimonio abitativo pubblico.
Trovo disdicevole l’occupazione di case, con in più rischi per la sicurezza e l’agibilità, e in caso di occupazioni abusive sono sempre intervenuto in modo netto: chi occupa abusivamente lede infatti i diritti legittimi di chi ha partecipato a bandi o è all’interno delle graduatorie di assegnazione degli spazi e degli alloggi. E, francamente, oltre che disdicevole, trovo perlomeno sorprendenti le modalità di occupazione dell’ultimo immobile, Villa Ricci, portata avanti durante un corteo autorizzato e presidiato dalla Polizia di Stato.
Ritengo che in un momento politico come questo, la stella polare sia continuare ad investire per dare un alloggio e un tetto sicuro alle famiglie, a partire dalle fasce più deboli, come stanno facendo il Comune di Rimini e Acer (sono stati investiti 23 milioni di euro in un arco decennale per realizzare oltre 400 nuovi alloggi per edilizia popolare e emergenza abitativa) e come abbiamo fatto anche grazie al sostegno previsto nei recenti provvedimenti del piano casa e con il blocco degli sfratti per chi si trova in maggiore difficoltà.
L’amministrazione comunale di Rimini sta agendo con estrema correttezza e non mi stupisce la bizzarra ‘saldatura’ fra deputati di Sel e del M5S. Mi auguro che i due colleghi mostrino lo stesso attivismo e la stessa tempestività con cui si sono buttati sulla questione di “Casa Madiba” anche verso gli altri temi che interessano il territorio riminese, e su cui mi cimento quotidianamente.

Questa voce è stata pubblicata in Comunicati stampa. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.