News

  • December 7, 2016 - Dal Senato il via libera alla Legge di Bilancio 2017-2019 - È stata approvata al Senato con il voto di fiducia la Legge di Bilancio 2017-2019 che al suo interno contiene una serie di ricadute positive anche per il nostro territorio. Il testo non è stato modificato rispetto a quello approvato dalla Camera, in prima lettura, il 28 novembre scorso. Il “congelamento” delle dimissioni del premier Matteo Renzi, su richiesta del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha consentito di approvare definitivamente la Legge di Bilancio evitando scossoni che avrebbero potuto comportare anche un bilancio provvisorio. La manovra è stata approvata con 173 sì, 108 no e nessun astenuto. Il deputato riminese del Pd Tiziano Arlotti ha presentato una decina di emendamenti a prima firma, e altri ne ha sottoscritti, che porteranno benefici anche per il territorio riminese. In particolare sono state inserite norme che hanno l’obiettivo di agevolare la gestione contabile e finanziaria e che consentono di modificare i rigorosi piani di riequilibrio precedenti attraverso la riformulazione dei piani triennali che dovrà essere effettuata entro il 31 marzo 2017. È stato ulteriormente disciplinato il Fondo di solidarietà comunale di complessivi 6.197 mln che tuttavia dovrà essere ulteriormente integrato da circa 400 mln per restituire integralmente l’Imu ai singoli comuni. Per i Comuni fusi dal 2017 è prevista l’elevazione dall’attuale 40% al 50% la quota del contributo straordinario commisurato ai trasferimenti erariali attribuiti per l’anno 2010 a favore dei comuni che danno luogo alla fusione. Per i Comuni che già si sono fusi (da noi Poggio Torriana e Montescudo Montecolombo) e per i comuni sotto i 1.000 abitanti (Maiolo e Casteldelci) è consentito utilizzare le risorse quali avanzi di amministrazione e ricorso al debito. La Legge di Bilancio prevede inoltre l’assegnazione agli enti locali di spazi finanziari fino a 700 mln (di cui 300 per edilizia scolastica) e 500 alle regioni che dovranno stabilire i criteri per assegnarli. Una scelta che premia gli enti virtuosi che hanno pronti i progetti ed hanno risorse proprie. Un ulteriore emendamento ha chiarito che nelle more della indizione delle gare per la gestione del gas il gestore dovrà continuare a versare il canone al Comune (Rimini 3,5 mln all’anno). - In materia di prevenzione del rischio sismico, il disegno di legge interviene sulla disciplina vigente riguardante le detrazioni per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica, recupero edilizio e misure antisismiche. È prorogata fino al 31 dicembre 2017 (31 dicembre 2021 per gli interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari del singolo condominio) la misura della detrazione al 65% per le spese relative a interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Gli interventi che interessino l’involucro dell’edificio e quelli finalizzati a migliorare la prestazione energetica beneficiano di una maggiorazione. Sul fronte delle detrazioni fiscali per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche, il disegno di legge modifica la disciplina vigente al fine di: ridefinire la misura dell’agevolazione e la sua durata (50% in cinque anni, dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021) e incrementarla nel caso in cui dai predetti interventi derivi una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore (70% e 80% nel caso di passaggio a una o due classi di rischio inferiori, 75% e 85% qualora gli interventi riguardino le parti comuni di edifici condominiali). - In materia ambientale, è stato istituito un Fondo destinato a finanziare interventi riguardanti, tra l’altro, la difesa del suolo e il dissesto idrogeologico. Il Fondo ha una dotazione di 1.900 milioni di - euro per l’anno 2017, 3.150 milioni per l’anno 2018, 3.500 milioni per l’anno 2019 e 3.000 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2032 (art. 1, comma 140). Nel corso dell’esame in sede referente, sono stati ulteriormente integrati e dettagliati i settori oggetto di finanziamento allo scopo di ricomprendere, oltre alla difesa del suolo e al dissesto idrogeologico, anche il risanamento ambientale e le bonifiche e, nell’ambito delle infrastrutture, gli interventi relativi alla rete idrica e alle opere di collettamento, fognatura e depurazione. In provincia di Rimini sono diversi territori che presentano criticità dal punto di vista idrogeologico e potranno usufruire degli stanziamenti. - Saranno salvaguardati finanziamenti per i progetti del “Bando delle periferie”, per i quali sono stati stanziati 1 miliardo e 600 milioni di euro per il 2017 a fronte dei 500 milioni di euro stanziati nel 2016. Tra i progetti approvati ci sono gli interventi presentati dal Comune di Rimini, in particolare il “Parco del mare” nella zona Nord. Nel progetto “Parco del mare” sono tre gli interventi strategici pubblici, oggetto della richiesta di finanziamento sul bando delle periferie: i nuovi lungomari nord, l’asse viario a monte, i parcheggi a monte. - Novità nelle misure sulle pensioni dalla Legge di Bilancio 2017, a partire dalla possibilità di flessibilità nel pensionamento e l’anticipo sull’età della pensione di vecchiaia introducendo la valutazione dell’aspettativa di vita che non può essere uguale per tutti i lavori e introduce una riflessione sul peso diverso dei lavori e della possibile gravosità di cui tener conto per poter differenziare il diritto alla pensione. Vengono eliminate definitivamente le penalizzazioni per chi va in pensione anticipata (donne 41 anni e 10 mesi – uomini 42 anni e dieci mesi) prima dei 62 anni di età a partire dal 1° gennaio 2018 (già tolte fino al 31.12.2017). Per quanto riguarda l’anticipo pensionistico (Ape) sociale è prevista una corresponsione di una indennità mensile a carico dello Stato. In questo caso sono richiesti requisiti di accesso dai 63 anni di età. - legge di... More →

I commenti sono chiusi.